28 Settembre 2022
817 visualizzazioni

L’eccellente pizza di Dazio, a Roma sulla via Nomentana

di PIER PAOLO MOCCI

Se siete a Roma o se ci passate in vacanza o per un viaggio di lavoro, segnatevi questo indirizzo: Via Nomentana 1206. Non è centrale, il ché non è affatto un aspetto negativo, e si può godere di una Roma immersa nella natura a due passi dal Raccordo (facilmente raggiungibile da ogni parte della Città). Lì, da Dazio ristorante e pizzeria, assaggerete molte cose gradevoli, speciali e la cosa che colpisce di più il palato è senza dubbio la pizza, soffice e fragrante, con il bordo alto alla napoletana, con le caratteristiche gourmet, e con un tocco di romanità nella base che rimane croccante e solida anziché “infrangersi” subito dall’incontro con il condimento.

Ingredienti di prima qualità fanno di queste pizze tra le più buone di Roma, gustose, ricche e semplici allo stesso tempo, da provare in ogni abbinamento, sia alla carta sia su richiesta secondo le vostre preferenze.

Si parte con la sezione dedicata ai Fritti che offre la possibilità di gustare alcuni grandi classici come il Supplì e la Crocchetta di patate ma anche la Frittatina Burger (cheddar, carne arrosto, bacon infornato e cipolla caramellata), e la Crocchetta Truffle (Fondente di patata all’olio evo Tamìa, mayo-truffle, tartufo nero estivo prima scelta) per poi passare ai Fringer Fry come El Barrio (croquetillas jamon e queso, spicy-mayo, chorizo iberico de belota), una vera esplosione di sapore, il Baccalà (baccalà mantecato, crema di ceci, maggiorana) ed ai già rinomati Conetti® nelle versioni CarbonaraAmatriciana e Gricia. Il “MariDazio”, un maritozzo in versione salata, è l’ulteriore novità presente nelle versioni Stracciatella e Alici e Pollo cbt e Peperoni, mentre le pizze sono divise nelle categorie “Vintage” (con, tra le altre, Margherita, Marinara, Napoli, Diavola, etc), “dal Mercato” (le proposte stagionali con Ortolana, Nerano, Red Zone, Orange in the new black, Pica Pica, Tunapinambur e Patate e Tartufo) e le “Crazy”, molto intriganti con una menzione d’obbligo per la Cesar Salad (pollo ruspante cbt, cesar dressing, parmigiano reggiano vacche rosse 24 mesi, insalata baby, fior di latte di Agerola e pepe nero della Jamaica), la CrazyDuck (crema mais e alici del Cantabrico, speck di anatra, chips di cavoletto di Bruxelles, cipolla in agrodolce, erba fungo) e soprattutto il Tributo al Maestro (besciamella allo zafferano, midollo flambato, foglia d’oro 24kt, airbag di patata, micro punte di fonduta di Parmigiano Reggiano Vacca bianca 24 mesi), un sentito e rispettoso omaggio a Gualtiero Marchesi, “la persona che ha cambiato il corso gastronomico del nostro paese” dichiara Matteo Lo Iacono.

Nel menu di Dazio c’è naturalmente anche una sezione dedicata ai dessert, una golosa proposta curata ad hoc da Antonio Scarfone, titolare di deCORE gelativo creativo. “Mi piace realizzare dolci anticonvenzionali per quel che concerne gli abbinamenti tra i vari sapori. Da Dazio i clienti potranno gustare dessert preparati con materie prime eccellenti, che al palato consentiranno di scoprire il giusto connubio tra intensità dei sapori ed equilibrio del gusto originato dall’armonia tra i contrasti” sottolinea Scarfone che collabora con Dazio sin dal primo giorno di apertura. Tra le proposte più interessanti ci sono Purple Fiction (semifreddo alla mandorla di Toritto, salsa di gelso rosso di Sicilia, mandorle pralinate, dacquoise alla mandorla), Unicorn (semifreddo al cioccolato bianco al profumo di cardamomo, salsa esotica di mango e passion fruit e grué di cacao monorigine Venezuela) e Sweet Bismarck (semifreddo al pistacchio di Bronte, salsa di fragole e frutti di bosco di Nemi, pistacchi pralinati, dacquoise al cacao).

Estremamente curata anche la proposta beverage di Dazio che punta sul “bere bene” grazie a Lorenzo Politano, bartneder dell’Aleph Rome Hotel (Hilton), che ha messo la firma sui drink, i signature e la bottigliera di Dazio, dando vita ad una Carta del beverage (in continua espansione) ricca di cocktails classici e moderni, come Spritz, Negroni, Moscow Mule, Gin Tonic e Margarita ma anche birre artigianali, vini e bollicine. Dazio, il progetto imprenditoriale di Federico Del Moro, impegnato nel mondo della ristorazione da oltre 15 anni tra Roma, Sardegna e l’Expo di Milano, rappresenta il primo tassello di una rivoluzione gastronomica che ha già in pancia il prossimo passo, una nuova insegna by Dazio che rivoluzionerà anche il mondo della pizza Romana. Dazio, pizzeria situata in via Nomentana 1206, è aperta tutti i giorni dalle 19.30 alle 24.

Contatti: Dazio Roma
Via Nomentana, 1206 –  Tel. 06.83525515

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


REGISTRATI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE INVITATO AI NOSTRI EVENTI
ED ESSERE AGGIORNATO SULLE NOSTRE ATTIVITÀ